La Fabbrica di Apollo - Comune di Anzola dell'Emilia

Vai ai contenuti principali
 
Sei in: Home » In evidenza » La Fabbrica di Apollo  

La Fabbrica di Apollo

Evento del 16/12/2017

La Fabbrica di Apollo. Rassegna di musica e teatro
novembre 2017 - aprile 2018

La fabbrica di Apollo, rassegna di musica e teatro, è organizzata da un gruppo di artisti e operatori culturali, con la collaborazione dell'Amministrazione Comunale, del Centro Culturale Anzolese, dell'Anzola Jazz Club Henghel Gualdi e della Pro Loco di Anzola.

Gli spettacoli si svolgeranno nella sala polivalente della biblioteca di Anzola - Piazza Giovanni XXIII, 2 ad Anzola dell'Emilia
con una formula originale e innovativa.
A partire dalle 20.30 sarete accolti, per un brindisi di benvenuto, con i vini delle cantine del Consorzio Vini dei Colli
Bolognesi. Alle 21.00, puntuali inizieranno gli spettacoli.
Dopo l'esibizione, gli artisti incontreranno il pubblico presente,
davanti ad un bicchiere di vino o di birra e a un assaggio di specialità della cucina tradizionale e stagionale, racconteranno
di sé, dei loro progetti e delle loro esperienze e risponderanno alle vostre domande.
Biglietto: singolo 10 euro (spettacolo più consumazione)    Abbonamento: 50,00 euro (6 spettacoli più serata di beneficenza del 16 dicembre)
Punti di prevendita: Ocean Bar, Pasticceria Rosa e Morena, Stefy e Stefy parrucchiere, Edicolè di Chiarini Caterina, Opplà Calzature. 

 

Programma della Fabbrica di Apollo novembre 2017 - aprile 2018
venerdì 1 dicembre Classic Orkestra Afrobeat in trio
sabato 16 dicembre Quintetto di Yulia Zubareva (serata di beneficenza)
venerdì 12 gennaio Zoè Teatri - "Le Sedie"
venerdì 2 febbraio Paolo doesn't play with us
venerdì 2 marzo Piccola Compagnia dei Contrari - "Non solo maschere"
venerdì 6 aprile Eloisa Atti – "Edges"

 

LA FABBRICA DI APOLLO. RASSEGNA DI MUSICA E TEATRO
novembre 2017 - aprile 2018

La Fabbrica di Apollo, "rassegna di musica e teatro", è organizzata da un gruppo di artisti e operatori culturali, con la collaborazione dell'Amministrazione Comunale, del Centro Culturale Anzolese, dell'Anzola Jazz Club Henghel Gualdi e della Pro Loco di Anzola.
La rassegna ha in programma quattro concerti e due spettacoli teatrali: la musica come snodo intellettuale trainante che evolve in un teatro sperimentale di ricerca e contaminazione con sonorità coinvolgenti e testi di qualità.

 

Programma

Inaugurano la rassegna venerdì 3 novembre Vittorio Carniglia e Federico Fantuz, due chitarre di livello, con uno spettacolo, "Storie in bottiglia", che coniuga letteratura e musica, seguendo suggestioni di temi universali. Seguirà il 1 dicembre Progetto Kairos, in trio. Con i suoi strumenti antichi europei ed africani, l'ensemble emiliano-romagnolo utilizza voci e contrappunto con la duplice valenza della tradizione musicale colta europea e del ricco patrimonio ritmico africano. Il 16 dicembre si esibirà Yulia Zubareva con il suo quartetto di musicisti, cantante bolognese che spazia magistralmente fra generi diversi come il classical jazz, il country blues, il Rhytm & Blues, il Rock, la musica leggera e quella pop. Venerdì 12 gennaio la biblioteca ospiterà Zoè Teatri con lo spettacolo d'Improvvisazione "Le sedie". La compagnia porta l’improvvisazione a teatro unendo le moderne tecniche anglosassoni all’antica sapienza della Commedia dell’Arte italiana. Venerdì 2 febbraio sarà la volta di Paolo doesn't play with us; ascolteremo Giulia Meci e Matu Maini, un duo di chitarre, ukulele, mandolino e banjo, protagoniste di un progetto originale. Venerdì 2 marzo salirà sul palco la Piccola Compagnia dei contrari con "Non solo maschere", l'esito finale di un innovativo studio del movimento del corpo (come nasce e come si sviluppa), finalizzato anche all'animazione delle maschere.
Chiuderà la rassegna venerdì 6 aprile Eloisa Atti in Quintet. In questa occasione la cantante presenterà l’album “Edges” assieme alla sua band. Mixato a Tucson dal leggendario Craig Schumacher e masterizzato in Italia da Giovanni Versari (Grammy 2016 ai Muse per “Best rock album“), “Edges” è un lavoro del tutto originale che unisce il sound americano tra country-jazz, blues e folk con il gusto melodico italiano.
A partire dalle 20.30: accoglienza con brindisi di benvenuto: si potranno degustare i vini delle cantine del Consorzio Vini dei Colli Bolognesi. Alle 21.00 inizieranno gli spettacoli.

 

Programma breve
venerdì 3 novembre Vittorio Carniglia e Federico Fantuz - "Storie in Bottiglia"
venerdì 1 dicembre Classic Orkestra Afrobeat in trio
sabato 16 dicembre Quintetto di Yulia Zubareva
venerdì 12 gennaio Zoè Teatri - "Le Sedie"
venerdì 2 febbraio Paolo doesn't play with us
venerdì 2 marzo Piccola Compagnia dei Contrari - "Non solo maschere"
venerdì 6 aprile Eloisa Atti – "Edges"

 

VITTORIO CARNIGLIA e FEDERICO FANTUZ. Vittorio Carniglia artista poliedrico, anticonformista, trasformista ed emozionale, rende la sua forza creativa sul palcoscenico in un'esplosione di 'energia. Federico Fantuz cantautore, usa la parola come espressione di sè come manifestazione di libertà per ribadire valori irrinunciabili e ricerca di senso. Hanno lavorato in teatro di ricerca teatrale La Fionda e nel Teatro canzone dedicato ai popoli oppressi.
Vittorio e Federico, due chitarre di alto livello, con uno spettacolo, "Storie in bottiglia", che coniuga letteratura e musica, seguendo il dipanarsi di una narrazzione capace di trasportare in luoghi vicini e lontani. Un viaggio letterario creativo e musicale attraverso storie legate alla terra, alle tradizioni. Si darà voce a Dionisio, Bacco, Enotro e Noè e i poeti ed autori come Dino Campana, Camillo Sbarbaro e Piero Ciampi, da una bottiglia trasportata dal mare riecheggiano storie, aneddoti, racconti, favole, leggende, poesie e canzoni.

PROGETTO KAIROS
Marco Zanotti, Anna Palumbo, Tim Trevor-Briscoe. Progetto Kàiros.
Kairós è il tempo che non si misura, il momento opportuno, l'occasione propizia. Il trio nasce dalle fila della CLASSICA ORCHESTRA AFROBEAT. Partendo da composizioni originali si indaga sull estemporaneità dell'attimo musicale, in contrapposizione
al tempo scandito e regolare dell'orologio e di un metronomo.

COMPAGNIA ZOE’ TEATRI
Nasce nel 2007 con l’intento di portare azioni teatrali, adatte e adattabili ad ogni luogo e contesto.(Teatro ad Hoc).Si esprime con il Teatro Canzone; musiche e parole ad hoc, il Teatro Conviviale;teatro degli incontri conviviali dove "cene" diventano il luogo di interazione, dialogo, Teatro all’Impronta; il teatro del qui e ora, gli spettatori assistono al processo creativo mentre questo accade. –tutte forme espressive che la compagnia chiama "Ricreazioni culturali".
Teatro creativo, ludico, ironico, affronta conflitti reali che la maggior parte delle persone fa finta di non vedere/sentire. Nel 2009, alcuni membri sono entrati a far parte del movimento delle Transition Town. Si sono creati, così, altri gruppi di interesse, attivi in campi non strettamente teatrali, ma sempre coerenti con la visione di un nuovo mondo possibile. Dal 2012 Zoè Teatri è parte della Scuola Nazionale di Improvvisazione Teatrale. La compagnia presenta lo spettacolo:"Le Sedie" dove la presenza scenica focalizza due attori, due sedie e l’infinita gamma delle esperienze umane, le speranze e le delusioni, le amicizie e i tradimenti, le gioie e le consolazioni, gli ideali e il quotidiano, l’amore e la routine, i rimorsi e i rimpianti. Una ricerca di autenticità dei personaggi e delle relazioni, perché la morale non riguarda ciò che proviamo ma ciò che facciamo alla luce di ciò che proviamo.

PAOLO DOESN'T PLAY WITH US 
GIULIA MECI e MATU MAINI sono due musiciste accomunate da una grande passione per le corde e per il rock! I brani si ispirano al folk rock (Nick Drake, Crosby Still Nash & Young), passando per sonorità e armonizzazioni più moderne (Alice in Chains, Jeff Buckley, Elliott Smith).Giulia Meci (voce, ukulele e chitarra) all'età di 7 anni Inizia gli studi musicali con il pianoforte classico. Comincia a cantare accompagnandosi con la chitarra e il pianoforte. Studia canto Moderno presso la MA2000 di Bologna e perfeziona la tecnica con diversi insegnanti (Alice Albertazzi, Rossella Graziani, Beatrice Sarti e Chiara Pancaldi). Partecipa a Workshop di armonia jazz, improvvisazione con diversi musicisti internazionali (Shawn Monteiro, Kirk Lightsey e Rachel Gould). Giulia è presente sulla scena bolognese e non solo, come cantante del Duo Carunchio ed ha attive varie collaborazioni tra cui gli Alice Tambourine Lover e la Tarma. In questo progetto originale è, insieme a Matu Maini, autrice e arrangiatrice dei brani. Matu Maini (voce, chitarra, ukulele, mandolino e banjo) Diplomata in chitarra moderna e world music al CFM di Bologna, Matu Maini (aka Laura Masi), ha suonato in vari progetti musicali sin da giovanissima, spaziando dal rock al jazz, dal folk all'elettronica (Spider Joint, Elanoir, DHOS, Minor Swing Quintet) e collaborando parallelamente anche con altri gruppi (Alice Tambourine Lover e la Tarma). Nel 2015 Matu Maini decide di incidere un album di inediti, un repertorio di brani folk, progetto che insieme ad altri musicisti prende il nome Pristine Moods. Nel 2016 continua questa produzione acustica insieme a Giulia, dando vita ai Paolo doesn't Play With Us e dando vita nel 2017 al loro album d’esordio:

PAOLO DOESN'T PLAY WITH US - "Reversal of Fortune "
Co-produzione PdPWu & Sergio Altamura
Special Guests: Sergio Altamura - Lap Steel & Prepared Guitar; Tommy Ruggero - Percussions & Glockenspiel
Giulia Meci e Matu Maini collaborano entrambe in diversi progetti musicali, insieme hanno inciso per Alice Tambourine Lover e riarrangiato in chiave acustica alcuni live de La Tarma. Da un anno attive nella scena live, a gennaio 2017 saranno in studio per registrare il primo album.

PICCOLA COMPAGNIA DEI CONTRARI
Il gruppo "Piccola Compagnia dei Contrari" nasce agli inizi del 2017 dalla voglia di scambiarsi esperienze diverse. Una ricerca di movimento, di forme, di emozioni che sfociano nella modernità dell'essere. Il gruppo ha come obiettivo, lo studio del movimento del corpo (come nasce e come si sviluppa), finalizzandolo anche all'animazione delle maschere. Maschere inusuali costruite sulla base delle varie esperienze di lavoro, ognuna con una propria storia.

ELOISA ATTI in Quintet
Cantante e musicista bolognese, Eloisa Atti inizia la sua attività da bambina, facendo parte del prestigioso "Piccolo Coro dell'Antoniano”, partecipando a sei edizioni del "Festival Internazionale dello Zecchino d'Oro". Figlia del poeta Luciano Atti, Eloisa studia violino per poi passare al canto. Laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne presso l'Università di Bologna con la tesi "La musica nera proposta come strumento didattico integrativo all'insegnamento della lingua inglese", è docente di inglese per i corsi di Jazz al conservatorio A. Buzzolla di Adria. Prende parte stabilmente a svariati spettacoli teatrali e televisivi. Dopo aver realizzato due album con i "Sur" e tre con il chitarrista Marco Bovi, presenta lo spettacolo "Penelope" da lei interamente ideato e composto. Accompagnata da un sestetto d'eccezione pubblica l'album omaggio a Billie Holiday "Everything Happens for the Best". Eloisa Atti in quartet presenta, in questa occasione, lo spettacolo "Edges", dove il sound americano tra country-jazz, blues e folk prende un colore sorprendente grazie al gusto italiano per la melodia. Le canzoni di Eloisa Atti, richiamano alla memoria una classicità connessa ad emozioni che si credevano perdute. "Edges - dice Atti - sono i bordi estremi, intesi come margini che racchiudono un'identità, e al tempo stesso rappresentano separazione e contiguità tra mondi diversi, differenze drammatiche e vincoli indissolubili". "Edges" è mixato a Tucson dal leggendario Craig Schumacher e masterizzato in Italia da Giovanni Versari (Grammy 2016 ai Muse per "Best rock album ").
Eloisa Atti voce, concertina e ukelele
Marco Bovi chitarra
Emiliano Pintori piano e organo
Stefano Senni contrabbasso
Marco Frattini batteria

YULIA ZUBAREVA QUINTET
La cantante bolognese Yulia Zubareva si è classificata 2° al "Concorso nazionale Vociferando". Artistica eclettica, voce potente, densa e profonda in grado di suscitare emozioni e creare atmosfere soffuse, quasi impalpabili. Yulia è accompagnata da un quartetto nato 12 anni fa, composto da: Stefano Cordoni alla chitarra, Nicola Bolognesi al sassofono, Marco Presotto al contrabbasso, Gabriele Molinari alla batteria. "Yulia Zubareva quintet", ha suonato in diversi luoghi nel nostro territorio; a Bologna è stato ospite diverse volte da CostArena. I suoi generi preferiti sono classical jazz, country blues, rhytm & bues, rock and roll, nusica leggera, pop classica, indie rock.

La-Fabbrica-di-Apollo
 
 
Ultima modifica 13/12/2017 05:04
 
Biblioteca De Amicis
è un paese per giovani
Sportello Unico per l'Edilizia e le Attività Produttive
URP Anzola
 
SIT
Reti di parole
Anzola prima dell'Emilia