Patente di guida - Comune di Anzola dell'Emilia

Vai ai contenuti principali
 
Sei in: Home » Guida ai Servizi » Trasporti e via... » Patente di guida  

Patente di guida

Dove rivolgersi:

 

  • Comando Stazione Carabinieri di Anzola dell'Emilia - Via X Settembre 1943, 29 - Anzola dell'Emilia - tel. 051-733104;
  • Ufficio Provinciale della Motorizzazione Civile - Via dell'Industria, 13 - Bologna - Tel. 051 6046111;
  • EMILIA PRATICHE AUTO -Delegazione ACI Bologna - Via Emilia, 122 - Anzola dell'Emilia - Tel. 051.5879580 e-mail: aci.anzolaemilia@gmail.com;
  • In alternativa è possibile rivolgersi direttamente ad una delle Autoscuole private presenti sul territorio.

In caso di variazione di residenza è necessario rivolgersi all'Urp.

 
Descrizione del servizio:

Rinnovo
La validità della patente di guida dipende dal tipo di patente e dall'età del possessore, secondo la seguente tabella:

Durata Patente di Guida
CATEGORIA PATENTE meno di 50 anni più di 50 anni più di 60 anni più di 65 anni più di 70 anni  più di 80 anni
A e B 10 5 5 5 3  2
C 5 5 5 2(*) /1 fino a 68(**) 2 (*)  2 (*)
D (*****) 5 5 5(***)/1 fino a 68(****) 5(***)/1 fino a 68(****) 3 (***)  2 (***)

(*) Dopo i 65 anni la patente C o CE abilita a condurre veicoli di massa complessiva a pieno carico fino a 20 t. Il rinnovo deve essere effettuato ogni 2 anni con visita in Commissione medica locale. Per guidare, fino a 68 anni, veicoli superiori a 20 t occorre uno specifico attestato rilasciato da una Commissione medica locale (vedi nota successiva)
(**) Dopo i 65 anni e fino ai 68 anni per condurre con la patente CE autotreni e autoarticolati di massa complessiva a pieno carico maggiore di 20 t occorre uno specifico attestato da conseguire ogni anno a seguito di una visita specialistica in Commissione medica locale; dopo i 68 anni non si possono più condurre questi veicoli.
(***) Dopo i 60 anni le patenti D1 o D consentono di guidare solo i veicoli previsti con la patente B, mentre le patenti D1E e DE abilitano alla guida solo dei veicoli per i quali è richiesta la patente BE. Per guidare, fino a 68 anni, i veicoli abilitati dalle patenti D1, D1E, D, DE occorre uno specifico attestato rilasciato da una Commissione medica locale (vedi nota successiva)
(****) Dopo i 60 anni e fino ai 68 anni per condurre con la patente D1, D1E, D e DE autobus, autocarri, autotreni, autosnodati e autoarticolati adibiti al trasporto di persone occorre uno specifico attestato da conseguire ogni anno a seguito di una visita specialistica in Commissione medica locale; dopo i 68 anni non si possono più condurre questi veicoli.
(*****) Dopo i 65 anni chi è in possesso di patente D o DE conseguita entro il 30/9/2004, che consente la guida dei veicoli abilitati, rispettivamente, dalla patente C e CE, per poter continuare a condurre questi mezzi deve rispettare le regole di rinnovo previste per le patenti C e CE.

Anche alcune patologie invalidanti, che obbligatoriamente devono essere dichiarate e certificate al momento del rilascio/rinnovo della patente, possono limitarne la validità.

La scadenza coincide con il giorno di nascita dell'intestario successivo alla durata stessa della patente.

Come fare?

  • Prenotare con largo anticipo rispetto alla scadenza una visita medica presso struttura medico-legale autorizzata (per l'A.U.S.L. di Bologna è possibile prenotare anche telefonicamente tramite il CUP al numero verde 800 88 4888).
  • Portare, al momento della visita, una foto formato tessera, l'attestazione del versamento di €9,00 sul c/c 9001 e €16,00 sul c/c 4028 (bollettini prestampati in distribuzione presso gli uffici postali e gli uffici motorizzazione); occorrerà, inoltre, pagare il ticket relativo alla visita.
  • In alternativa è possibile rivolgersi direttamente ad una delle Autoscuole presenti sul territorio, per poter effettuare tutta la procedura di rinnovo usufruendo dell'assistenza degli operatori dell'agenzia. Il servizio, in questo caso, è soggetto a pagamento, a discrezione di ciasuna autoscuola.

Il medico trasmette al Ministero in via telematica il certificato medico, la foto, la firma del patentato e gli estremi dei versamenti.
Se la visita ha esito positivo, il medico stampa la ricevuta di avvenuta conferma di validità e la consegna all'interessato: la ricevuta è valida esclusivamente per la circolazione sul territorio italiano e fino al ricevimento della nuova patente.
Successivamente il Ministero invia una nuova patente all'indirizzo del titolare indicato in fase di rinnovo, tramite posta assicurata con spese a carico del destinatario. Nel caso di mancato ricevimento della patente stessa entro 15 giorni dalla data della visita medica, il cittadino potrà contattare il numero verde 800979416, disponibile a qualsiasi ora e 7 giorni su 7, con risponditore automatico, che potrà fornire tutte le informazioni riguardanti la spedizione. Per parlare con un operatore, invece, si potrà contattare il numero verde 800232323 dal lunedì al venerdì, dalle 8.30 alle 14.00 e dalle 14.30 alle 17.30.

 
Smarrimento o sottrazione
E' necessario sporgere denuncia entro 48 ore presso le Autorità di Pubblica Sicurezza (Carabinieri, Polizia). L’organo di polizia provvede a verificare se il documento è duplicabile direttamente dal ministero e rilascia un permesso provvisorio di guida indispensabile per guidare.
Se la patente risulta duplicabile è necessario portare due foto recenti al posto di polizia che ha ricevuto la denuncia e un documento di identità valido. La patente duplicata viene spedita dal ministero alla residenza dell’utente con posta assicurata, al costo di € 9,00 più le spese postali da pagare al postino che effettua la consegna. Se la patente non è duplicabile bisogna recarsi presso un Ufficio motorizzazione civile e presentare la richiesta di duplicato, che prevede:
• la compilazione del modello TT 2112 in distribuzione presso gli uffici
• l’attestazione del versamento di € 9,00 sul cc 9001 (bollettino prestampato in distribuzione presso gli uffici postali e gli uffici motorizzazione)
• la presentazione del permesso di guida rilasciato dagli organi di polizia
• di allegare due foto recenti formato tessera, delle quali una autenticata.

Viene rilasciato un altro permesso provvisorio di guida che consente di guidare in attesa del rilascio del duplicato da ritirarsi presso l’ufficio della motorizzazione al quale è stata presentata la richiesta.

Variazione di residenza
In caso di variazione di residenza, dal 2 febbraio 2013 le informazioni relative alla nuova residenza non devono più essere annotate sulla patente a seguito della modifica dell’art. 116 comma 13 del Codice della Strada. Rimane comunque la necessità di aggiornamento dei dati presenti nell'archivio della Motorizzazione. Tale aggiornamento viene eseguito automaticamente dall'Ufficio dei servizi demografici del Comune, attraverso l'inoltro della necessaria documentazione alla motorizzazione civile. Pertanto, nel momento in cui ci si reca all'Urp per richiedere la variazione di residenza, è necessario portare con sé la patente di ogni componente del nucleo che varia la residenza (è sufficiente anche la fotocopia fronte retro) e le carte di circolazione di coloro che sono proprietari di uno o più veicoli. Per queste ultime sarà inviato dalla motorizzazione l'adesivo con l'indicazione della nuova residenza. Per avere informazioni sullo stato della pratica si può contattare il numero verde 800 232323.

Normativa di riferimento:

Circolare n. 8326 del 9 aprile 2014 - Nuova procedura di rinnovo di validità della patente di guida

 
Aggiornato il:
24/09/2018
 
Responsabile aggiornamento:

Elisa Temellini

 
 
Biblioteca De Amicis
è un paese per giovani
Sportello Unico per l'Edilizia e le Attività Produttive
URP Anzola
 
SIT
Reti di parole
Anzola prima dell'Emilia