Comunicazione d'inizio lavori asseverata (CILA) - Comune di Anzola dell'Emilia

Vai ai contenuti principali
 
Sei in: Home » Guida ai Servizi » Edilizia e sost... » Comunicazione d'inizio lavori asseverata (CILA)  

Comunicazione d'inizio lavori asseverata (CILA)

Responsabile:

Arch. Aldo Ansaloni

 
Dove rivolgersi:
 
Descrizione del servizio:

Dal 28 settembre 2013, con l'entrata  in vigore della Legge Regionale n. 15/2013, viene ulteriormente modificata la disciplina attuativa dei titoli edilizi. In particolare, una serie di attività, elencate al comma 1 dell'articolo 7 della legge sopraccitata sono completamente liberalizzate, ovvero per le stesse non è più dovuta alcuna comunicazione come precedentemente previsto ai sensi dell'art 6 del D.P.R. 380/2001 e s.m.i..  Inoltre ai sensi del 4 comma del medesimo articolo sono ulteriormente ampliati gli interventi realizzabili con comunicazione.

Requisiti del richiedente:

La comunicazione deve essere inoltrata dal proprietario dell'immobile o chi abbia titolo alla presentazione ai sensi dell’art 88 del RUE

 
Modalità di richiesta:

La documentazione deve essere inoltrata allo Sportello Unico per l'Edilizia tramite il portale Accesso unitario (edilizia produttiva) o tramite PEC (edilizia residenziale).

 
Modalità di erogazione:

Lo Sportello Unico per l'Edilizia provvede ad effettuare l'istruttoria necessaria e il controllo dell'intervento. Si rimanda al successivo paragrafo "Tempi di risposta".

 
Documentazione:

Per i seguenti interventi:

a) opere di manutenzione straordinaria, di restauro scientifico, di restauro e risanamento conservativo e opere interne alle costruzioni, qualora non modifichino le destinazioni d'uso delle costruzioni e delle singole unità immobiliari, non riguardino le parti strutturali dell'edificio o siano prive di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici e non rechino comunque pregiudizio alla statica dell'edificio;

b) modifiche interne di carattere edilizio sulla superficie coperta dei fabbricati adibiti ad esercizio d'impresa;

c) modifiche della destinazione d'uso senza opere, tra cui quelle dei locali adibiti ad esercizio d'impresa, che non comportino aumento del carico urbanistico,

c bis) opere pertinenziali non classificabili come nuova costruzione ai sensi della lettera g.6) dell'Allegato alla L.R. 15/2013, qualora non riguardino le parti strutturali dell'edificio o siano prive di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici e non rechino comunque pregiudizio alla statica dell'edificio,

c ter) recinzioni, muri di cinta e cancellate,

c quater) interventi di demolizione parziale e integrale di manufatti edilizi,

c quinquies) recupero e risanamento delle aree libere urbane e interventi di naturalizzazione,

c sexies) significativi movimenti di terra di cui alla lettera m) dell'Allegato alla L.R. 15/2013,

c septies) serre stabilmente infisse al suolo, tra cui quelle in muratura, funzionali allo svolgimento dell'attività agricola,

c octies) ogni altro intervento edilizio non riconducibile agli elenchi di cui al comma 1 dell'art. 7 e agli articoli 10, 13 e 17 della L.R. 15/2013

come individuati al  comma 4 dell’art 7 della L.R. l'interessato deve presentare la comunicazione su apposita modulistica scaricabile direttamente dal sito della Regione Emilia Romagna al seguente indirizzo: http://territorio.regione.emilia-romagna.it/codice-territorio/semplificazione-edilizia/modulistica-unificata-regionale  ed allegando obbligatoriamente la documentazione indicata nel modello stesso.

L'esecuzione delle opere di cui al comma 1 lettera f) dell'art. 7 della L.R. 15/2013 (opere dirette a soddisfare obiettive esigenze contingenti, temporanee e stagionali e ad essere immediatamente rimosse al cessare della necessità e, comunque, entro un termine non superiore a sei mesi compresi i tempi di allestimento e smontaggio delle strutture) è preceduta dalla comunicazione allo Sportello unico delle date di avvio lavori e rimozione del manufatto, con l'eccezione delle opere insistenti su suolo pubblico comunale il cui periodo di permanenza è regolato dalla concessione temporanea di suolo pubblico.

La realizzazione delle opere di cui al comma 1 lettera m) dell'art. 7 della L.R. 15/2013 (pannelli solari, fotovoltaici, a servizio degli edifici, da realizzare al di fuori dei centri storici e degli insediamenti e infrastrutture storici del territorio rurale) è preceduta dalla presentazione della comunicazione disciplinata dall'articolo 7 bis del D.Lgs. 28/2011.

 
Costi e modalità di pagamento:

Diritti di segreteria secondo quanto quantificato dalla delibera di Giunta Comunale
Per effettuare pagamenti elettronici, consulta la scheda informativa

 
Scadenza o validità:

La comunicazione è efficace dal giorno stesso della sua presentazione presso l'Amministrazione Comunale.

 
Tempi di risposta:

Ad eccezione dei casi di convocazione di conferenza dei Entro cinque giorni lavorativi successiva alla presentazione della CILA, lo Sportello unico controlla la completezza della documentazione. Nei trenta giorni successivi, lo Sportello unico verifica la sussistenza dei requisiti e dei presupposti richiesti dalla normativa e dagli strumenti urbanistici per l'esecuzione degli interventi.

 
Normativa di riferimento:
 
Aggiornato il:
31/12/2019
 
Responsabile aggiornamento:

Federica Negrelli

 
 
Biblioteca De Amicis
è un paese per giovani
Sportello Unico per l'Edilizia e le Attività Produttive
URP Anzola
 
SIT
Reti di parole
Anzola prima dell'Emilia