Cittadinanza italiana: acquisizione per matrimonio o per residenza - Comune di Anzola dell'Emilia

Vai ai contenuti principali
 
Sei in: Home » Guida ai Servizi » Diritti, eletto... » Cittadinanza italiana: acquisizione per matrimonio o per residenza  

Cittadinanza italiana: acquisizione per matrimonio o per residenza

Responsabile:

Monia Pellizzari

Dove rivolgersi

 
Potere sostitutivo:

Direttore Area Amministrativa e Innovazione.
Nel caso il procedimento amministrativo non si concluda entro il termine previsto, l'interessato può ricorrere al soggetto a cui è attribuito il potere sostitutivo affinché questi concluda il procedimento entro un termine pari alla metà di quello originariamente previsto. Tale richiesta deve essere inoltrata via mail alla pec: comune.anzoladellemilia@cert.provincia.bo.it oppure per iscritto all'URP

 
Descrizione del servizio:

La cittadinanza può essere concessa con decreto del Presidente della Repubblica nei casi di:

  • MATRIMONIO CON CITTADINO ITALIANO (art. 5 legge 91/1992)
    in presenza dei seguenti requisiti: essere cittadino, straniero o apolide, coniugato con cittadino italiano da almeno 2 anni e legalmente residente in Italia.
  • PER RESIDENZA IN ITALIA (art. 9 legge 91/1992)
    - allo straniero non comunitario che risiede legalmente da almeno 10 anni nel territorio italiano;
    - al cittadino di uno Stato membro della Unione Europea che risiede legalmente da almeno 4 anni nel territorio italiano;
    - all'apolide e al rifugiato politico che risiede legalmente da almeno 5 anni nel territorio italiano;
    - allo straniero del quale il padre o la madre o uno degli ascendenti in linea retta di secondo grado sono stati cittadini per nascita o che è nato nel territorio della Repubblica e, in entrambi i casi, vi risiede legalmente da almeno 3 anni;
    - allo straniero maggiorenne, adottato da cittadino italiano, che risiede legalmente nel territorio italiano da almeno 5 anni successivamente all'adozione;
    - allo straniero che ha prestato servizio, anche all'estero, per almeno 5 anni alle dipendenze dello stato italiano.
Modalità di richiesta:

Dal 18 maggio 2015 la domanda di conferimento della cittadinanza italiana dovrà essere inviata per via telematica.

Cosa deve fare il cittadino

Il richiedente compilerà la domanda, utilizzando le credenziali d’accesso ricevute a seguito di registrazione sul portale dedicato, e la trasmetterà in formato elettronico, unitamente ad un documento di riconoscimento, agli atti formati dalle autorità del Paese di origine (atto di nascita e certificato penale) e alla ricevuta dell’avvenuto pagamento del contributo di euro 250,00 previsto dal decreto-legge del 4 ottobre 2018 n. 113.

Dal 18 giugno 2015 le domande verranno acquisite esclusivamente con modalità informatica. Per informazioni consultare il sito della Prefettura - Ufficio Territoriale di Governo di Bologna).
Nel caso in cui venga accolta la domanda, la Prefettura provvede alla notifica del decreto di concessione della cittadinanza italiana alla persona interessata.
Entro 6 mesi dalla notifica del decreto, l'interessato può prendere appuntamento per rendere il giuramento per l'acquisto della cittadinanza italiana presso l'Ufficio di stato civile del Comune di residenza.

 
Documentazione:

ALLA PREFETTURA
Vedere il sito della Prefettura di Bologna
AL COMUNE DI RESIDENZA PER PRESTARE GIURAMENTO
L'interessato deve chiedere appuntamento al Servizio Urp e Demografici (tel. 051 6502111) e presentare:

  • decreto di concessione della cittadinanza italiana;
  • passaporto in corso di validità;
  • titolo di soggiorno;
  • atto di nascita legalizzato e tradotto a norma di legge.
 
Tempi:

180 giorni dalla data della notifica a cui segue appuntamento, previa presentazione dei documenti all’ufficio.

 
Notizie utili:

Per verificare on line lo stato di avanzamento della propria domanda di cittadinanza, è disponibile un servizio web realizzato dal dipartimento per le Libertà civili e l'Immigrazione.
E' sufficiente effettuare una registrazione sul sito internet del servizio, che introduce in un’area riservata.
Dopo aver cliccato sul link di accesso ‘Consulta la tua pratica’, occorre compilare con i propri dati personali il modulo messo a disposizione dal sistema informatizzato. Completata la fase di registrazione, il richiedente deve associare alla propria utenza il codice assegnato alla domanda di cittadinanza (K10 e K10C).

Per informazioni sulla cittadinanza

 
Normativa di riferimento:
 
Aggiornato il:
31/10/2018
 
Responsabile aggiornamento:

Elisa Temellini

 
 
Biblioteca De Amicis
è un paese per giovani
Sportello Unico per l'Edilizia e le Attività Produttive
URP Anzola
 
SIT
Reti di parole
Anzola prima dell'Emilia