FASE 2 Provvedimenti -Esercizio Responsabile della Libertà - Comune di Anzola dell'Emilia

Vai ai contenuti principali
 
Sei in: Home » Altri Avvisi e... » FASE 2 Provvedimenti -Esercizio Responsabile della Libertà  

FASE 2 Provvedimenti -Esercizio Responsabile della Libertà

FASE 2 – Ordinanza Sindacale n. 44 del 29 maggio 2020 Aggiornamento

Con l’Ordinanza Sindacale n. 44 del 2020 sono state adottate misure aventi carattere urgente, eccezionale e temporaneo, che consentano di continuare ad intervenire rapidamente in alcuni ambiti operativi, al fine di preservare l’erogazione dei servizi essenziali, delle attività indifferibili nonché consentire e agevolare la ripresa delle attività, mediante il ripristino graduale dell’operatività, in linea con le recenti disposizioni del Governo che hanno introdotto la cosiddetta “fase 2”. Si ordina:

di prorogare sino al 31 agosto 2020 l’apertura degli uffici comunali al mattino, confermando la chiusura del giovedì pomeriggio e il ricevimento del pubblico SOLO su appuntamento e di confermare la riapertura della biblioteca comunale per l’attività di prestito e restituzione su appuntamento, garantendo all’atto della consegna e riconsegna dei libri, l’uso della mascherina e della distanza fisica di un metro. In ottemperanza alle indicazioni operative della Regione, la quarantena dei libri restituiti passa da 3 a 5 giorni;

ai Direttori di Area di continuare a garantire la continuità dei servizi e le attività indifferibili, nonché i servizi a supporto della ripresa delle attività, dando atto che le sotto indicate attività sono indifferibili da rendere in presenza da parte degli uffici del Comune.

Prendere visione dell’Ordinanza per approfondire le attività indifferibili dei settori.

Si ordina:

l’interdizione degli impianti sportivi a libera fruizione interni ai parchi e ai giardini comunali e ad altri spazi pubblici per le attività sportive di gruppo/squadra, fatta salva la possibilità di utilizzo per attività organizzate nel rispetto di quanto stabilito dalle norme vigenti;

- alla società Virgilio srl, di mantenere la riapertura al pubblico dei cimiteri comunali ed agli utenti di mantenere l’uso della mascherina e la distanza fisica di almeno un metro con e dagli altri utenti, evitando in ogni caso qualsiasi forma di assembramento;

- di mantenere la riapertura dei parchi pubblici e delle aree sportive a libero accesso, al solo fine di svolgere attività motoria e sportiva individuale nelle modalità disciplinate dal DPCM del 26 aprile 2020 e dall'ordinanza n. 74 del 30 aprile 2020 del Presidente della Giunta della Regione Emilia-Romagna.

Si autorizza:

la celebrazione dei matrimoni nel rispetto del divieto di assembramento, del distanziamento fisico di almeno 1 metro e con l’uso della mascherina, e comunque nel numero massimo di 15 persone (esclusi: sposi, testimoni, officiante e personale comunale)

- la fruizione delle aree giochi presenti nelle aree verdi e l’utilizzo delle attrezzature ludiche nel rispetto del divieto di assembramento e del distanziamento fisico di almeno 1 metro e con obbligo da parte dell’utilizzatore dell’uso della mascherina e della igienizzazione delle mani prima e dopo l'attività.

- la fruizione delle aree di sgambamento cani alla presenza di non più di 4 (quattro) persone contemporaneamente, nel rispetto del divieto di assembramento e del distanziamento fisico di almeno un metro e con uso della mascherina.

- la riapertura dei bagni pubblici presenti presso Piazza Berlinguer limitatamente alla giornata di svolgimento del mercato settimanale;

- l’accesso agli orti comunali con le seguenti prescrizioni: accesso all'orto del solo titolare della concessione secondo la turnazione esposta all'ingresso e obbligo dell'uso della mascherina nelle parti comuni, obbligo da parte dell’utilizzatore dell'igienizzazione delle mani prima e dopo l'attività;

- la ripresa delle attività corsistiche e lo svolgimento di iniziative spettacolari ed eventi in forma statica nelle modalità definite dalle ordinanze regionali e dai protocolli di sicurezza relativi;

- la ripresa delle attività sportive nelle modalità definite dalle ordinanze regionali e dai protocolli di sicurezza relativi;

Si dispone:

- la sospensione delle attività dei Centri Sociali Ricreativi Anziani del territorio (a titolo esemplificativo gioco carte, giochi di gruppo, biliardo, ballo, corsi, etc) consentendo l’attività di bar e di asporto nel rispetto del protocollo regionale relativo agli “esercizi di somministrazione alimenti e bevande e attività di asporto e consumo sul posto, e le attività spettacolari in forma statica nel rispetto delle ordinanze regionali e dei relativi protocolli di sicurezza, anche utilizzando gli spazi esterni ai centri stessi;

- la conferma della chiusura del bagno pubblico presente presso il parco Fantazzini del Capoluogo.

In allegato: Ordinanza Sindacale n. 44 del 29 maggio 2020

 

 FASE 2 – I Protocolli delle attività sportive e sociali che sono riprese: protocolli regionali per lo sport, centri estivi, linee guida per il volontariato. Aggiornamento

Il Protocolli regionali per la ripresa delle palestre, piscine, campi da gioco. Lo sport rappresenta un settore molto importante, al centro della vita delle nostre comunità.

https://www.regione.emilia-romagna.it/coronavirus/sport-ripartenza-in-sicurezza

 Protocollo regionale per i centri estivi servizio indispensabile per la nostra comunità:

https://www.regione.emilia-romagna.it/coronavirus/protocolli-di-sicurezza/centri-estivi

Linee guida per il volontariato, un pilastro per il nostro paese:

https://www.regione.emilia-romagna.it/coronavirus/linee-guida-per-il-volontariato

 

FASE 2 – Riapertura aree gioco e area sportiva via Pertini, Riapertura del Poliambulatorio di via XXV aprile. Aggiornamento del 23 maggio

Da Venerdì 29 maggio saranno riaperte al pubblico le aree gioco per bambini dei parchi e l’area sportiva outdoor di via Pertini.
Va garantita la DISTANZA DI DUE METRI (come previsto nelle attività sportive e di movimento). Le attività devono essere individuali. Sono VIETATI GLI ASSEMBRAMENTI, deve essere INDOSSATA LA MASCHERINA (tranne che nel momento dell’esercizio sportivo). Poiché i giochi e le attrezzature non possono essere sanificate continuamente si raccomanda L’USO DI GUANTI o L’IGIENIZZAZIONE DELLE MANI prima e dopo l’utilizzo.  
Il Poliambulatorio di Anzola, riprende le attività. Nel corso della prossima settimana saranno comunicate informazioni riguardanti i servizi attivati. L’ambulatorio infermieristico per i cronici e per la consegna dei presidi dei diabetici sarà il primo servizio a partire. Successivamente verrà avviato il recupero dei prelievi poi con gradualità riprenderanno i prelievi "ordinari”.

 

Fase 2: Ordinanza n. 40 del 21 maggio: Riapertura dei Mercati sul territorio di Anzola dell’Emilia dal 23 maggio.

Nel rispetto delle indicazioni tecniche e operative definite dallo specifico protocollo regionale, (allegato 1, del Decreto del Presidente della Giunta Regionale n. 82 del 17 maggio 2020), attraverso misure che garantiscano il contingentamento degli ingressi e la vigilanza degli accessi, sono CONSENTITI, sul territorio di Anzola dell’Emilia, i MERCATI:

Mercatino sperimentale del mercoledì a merceologia esclusiva- settore alimentare - ad Anzola dell’Emilia (BO) frazione Lavino di Mezzo in Piazzetta E. Biagi; 


Mercato del sabato a merceologia esclusiva - settore alimentare e non alimentare - ad Anzola dell’Emilia (BO) in Piazza Giovanni XXIII, Piazza Berlinguer e aree limitrofe.

E’ fatto obbligo l’utilizzo dei guanti “uso e getta” nelle attività di acquisto el’utilizzo di mascherine sia da parte degli operatori che da parte dei clienti.


In allegato: Ordinanza Sindacale n. 40 del 21 maggio con Planimetrie dei mercati

 

FASE 2: Delibera Giunta Comunale n. 58 del 14 maggio 2020 –Agevolazioni a sostegno della ripresa delle attività commerciali e di somministrazione di alimenti e bevande.  Aggiornamento.

Con delibera di Giunta Comunale n. 58 del 14 maggio sono state deliberate delle agevolazioni a sostegno della ripresa delle attività commerciali e di somministrazione di alimenti e bevande e più specificatamente di consentire, a titolo non oneroso e fino al 31 ottobre 2020, (per agevolare il 
rapporto tra clienti e fornitore, garantendo al contempo la necessaria capacità ricettiva dell’esercizio,  ridotta dall’imposto distanziamento interpersonale, e nel rispetto della normativa del Codice della Strada),  alle attività di vendita al dettaglio in sede fissa di esporre presso l’area esterna all’esercizio commerciale i prodotti e le merci oggetto della propria attività;
- alle attività di somministrazione di alimenti e bevande, bar-ristoranti di ampliare, dove già esistenti o di installare dehors allestiti con sedie e tavoli, con o senza ombrelloni o tende a sbraccio, con o senza delimitazioni laterali, presso l’area esterna ai suddetti pubblici esercizi di somministrazione.


In allegato: Delibera di Giunta Comunale n. 58 del 14 maggio

 

FASE 2 – Aggiornamento. Usiamo il metro della responsabilità.

È stato pubblicato il DECRETO-LEGGE 16 maggio 2020, n. 33 - Ulteriori misure urgenti per fronteggiare l'emergenza  epidemiologica da COVID-19.

(qui il testo completo https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2020/05/16/20G00051/sg).

Insieme al Decreto sono usciti diversi DPCM del 17 e 18 maggio (http://www.governo.it/it/articolo/conte-firma-il-dpcm-17-maggio-2020/14616 )


In Emilia-Romagna le misure sono integrate dall'ordinanza del Presidente della Giunta Regionale n. 82 del 17 maggio 2020, dall'Ordinanza del Presidente della Giunta Regionale n. 84 del 21 maggio 2020, e dall'Ordinanza del Presidente della Giunta  Regionale n. 87 del 25 maggio 2020.

UN RIEPILOGO DI TUTTE LE INFO  che riportiamo modo sintetico in questo messaggio.

La complessità dei documenti e le numerose riaperture ammesse, rendono ancora più necessaria LA MASSIMA RESPONSABILITÀ DI OGNUNO per limitare i rischi.
RICORDIAMO QUINDI CHE:
* LE MASCHERINE SONO OBBLIGATORIE nei locali aperti al pubblico e nei luoghi all’aperto dove non sia possibile mantenere il distanziamento di un metro
* rimangono SEMPRE VIETATI GLI ASSEMBRAMENTI di persone in luoghi pubblici o aperti al pubblico
SI RICORDA CHE IL SINDACO PUÒ DISPORRE LA CHIUSURA DI AREE PUBBLICHE O APERTE AL PUBBLICO IN CUI NON SIANO GARTNTITE LE MISURE DI SICUREZZA.
SPOSTAMENTI
* Dal 18 maggio ci si può muovere all’interno della propria regione senza limitazioni.
* Fino al 2 giugno sono vietati gli spostamenti in una regione diversa. Sono permessi per comprovate esigenze Lavorative, di necessità e di salute.
* Fino al 2 giugno 2020, sono vietati gli  spostamenti  da  e  per l'estero. Sono permessi per comprovate esigenze Lavorative, di necessità e di salute.
SPORT E ATTIVITÀ ALL’APERTO
* L'accesso aI parchi è condizionato al rigoroso rispetto del divieto di assembramenti e della distanza di sicurezza interpersonale di un metro.
* È consentito svolgere attività sportiva o attività motoria all’aperto IN FORMA INDIVIDUALE nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno due metri per l’attività sportiva e di almeno un metro per ogni altra attività salvo che non sia necessaria la presenza di un accompagnatore per i minori o le persone non completamente autosufficienti.
* Sono sospesi gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, in luoghi pubblici o privati.
* Dal 25 maggio è consentita l’attività sportiva e motoria svolta presso palestre, piscine, centri e circoli sportivi, pubblici e privati, altre strutture nelle quali si svolgano attività sportive in forma singola o di squadra dirette al benessere dell’individuo attraverso l’esercizio fisico, nel rispetto delle norme di distanziamento sociale e senza alcun assembramento.
* L'attività sportiva è  consentita all’interno di strutture sportive, all’aperto, nel rispetto del distanziamento e senza contatto fisico tra i singoli atleti.
* Sono sospese le attività di centri benessere e centri termali (fatta eccezione per l’erogazione delle prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza).
* L’allenamento degli atleti, professionisti e non professionisti, degli sport individuali e di squadra, sono consentite, nel rispetto delle norme di distanziamento sociale e senza alcun assembramento, a porte chiuse.
RISTORAZIONE, BAR, ASPORTO
* Riprende l'attività di ristoranti, trattorie, pizzerie, self-service, bar, pub, pasticcerie, gelaterie, rosticcerie, attività di catering in grado di garantire il rispetto delle misure di sicurezza previste dalle norme nazionali e dal protocollo regionale, in particolare la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro. I CLIENTI DEVONO INDOSSARE LA MASCHERINA QUANDO NON CONSUMANO O NON SONO SEDUTI AL TAVOLO.
* Resta consentita la ristorazione con consegna a domicilio o con asporto . Resta il divieto di consumare i prodotti all’interno dei locali e il divieto di sostare nelle immediate vicinanze degli stessi.
ACCONCIATURE ESTETICA TATUAGGI
* Riprende l'attività di parruCchieri, barbieri, centri estetici, centri tatuatori e piercing in grado di garantire il rispetto delle misure di sicurezza previste dalle norme nazionali e dal protocollo regionale.
STABILIMENTI BALNEARI E SPIAGGE
* Dal 18 maggio è possibile accedere liberamente alle spiagge e agli arenili.
* In Emilia-Romagna dal 25 maggio riprende l'attività degli stabilimenti balneari, in grado di garantire il rispetto delle misure di sicurezza previste dalle norme nazionali e dal protocollo regionale, in particolare la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro.
NEGOZI, COMMERCIO AL DETTAGLIO, MERCATI, AGENZIE DI SERVIZI
* Riprendono tutte le attività commerciali al dettaglio, a condizione che venga rispettata la DISTANZA INTERPERSONALE DI ALMENO 1 METRO, che gli ingressi avvengano in modo dilazionato e che venga impedito di sostare all'interno dei locali più del tempo necessario all'acquisto dei beni.
* In Emilia-Romagna riprendono le attività di commercio al dettaglio in sede fissa, commercio su aree pubbliche (MERCATI, posteggi fuori mercato e CHIOSCHI) e agenzie di servizi (a titolo di esempio, agenzie di viaggio e agenzie immobiliari) nel rispetto delle indicazioni tecniche e operative definite dal protocollo di sicurezza regionale.
MANIFESTAZIONI, EVENTI, SPETTACOLI
* Dal 15 giugno 2020 gli spettacoli, con la presenza di pubblico in sala o all’aperto, e le proiezioni cinematografiche sono svolti solo con posti a sedere preassegnati e distanziati con il numero massimo di spettatori di seguito indicati: a) 1000 persone per spettacoli all’aperto; b) 200 persone per spettacoli in luoghi chiusi, per ogni singola sala.
Restano comunque sospesi:
* gli eventi che implichino assembramenti in spazi chiusi o all'aperto quando non è possibile assicurare il rispetto delle condizioni indicate
* le attività che abbiano luogo in sale da ballo e discoteche e locali assimilati, all’aperto o al chiuso
* le fiere e i congressi
* le attività di sale giochi, sale scommesse e sale bingo, discoteche e locali assimilati.
STRUTTURE RICETTIVE
* Riprende l'attività di alberghi e agriturismo in grado di garantire il rispetto delle misure di sicurezza previste dalle norme nazionali e dal  protocollo regionale, in particolare la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro e per la strutture ricettive all'aria aperta (CAMPEGGI, VILLAGGI TURISTICI, MARINA RESORT) in grado di garantire il rispetto delle misure di sicurezza previste dalle norme nazionali e dal protocollo regionale.
PARCHI TEMATICI, LUNA-PARK
* In Emilia-Romagna dal 25 maggio riprende l'attività dei parchi tematici, parchi divertimento e luna park, nel rispetto delle norme di distanziamento sociale e senza alcun assembramento, previa adozione di specifico protocollo regionale e nel rispetto dei principi contenuti nelle linee guida nazionali.
CENTRI ESTIVI
* In Emilia-Romagna dall'8 giugno 2020 sono consentite le attività dei centri estivi e le attività per i minori di età superiore ad anni tre
CENTRI SOCIALI, CULTURALI, CIRCOLI
* In Emilia-Romagna dal 25 maggio riprendono le attività dei centri sociali, dei circoli culturali e ricreativi, nel rispetto delle norme di distanziamento sociale e senza alcun assembramento, previa adozione di specifico protocollo regionale e nel rispetto dei principi contenuti nelle linee guida nazionali.
CORSI
* In Emilia-Romagna dal 25 maggio sono consentite le attività corsistiche (ad esempio, lingue straniere, musica, fotografia, nautica), previa adozione di specifico protocollo regionale e nel rispetto dei principi contenuti nelle linee guida nazionali, fermo restando quanto previsto nelle disposizioni nazionali in materia di scuola, formazione e autoscuole.
CHIESE, CERIMONIE CIVILI E RELIGIOSE
* L’accesso ai luoghi di culto avviene con misure organizzative tali da evitare assembramenti di persone e tali da garantire ai frequentatori la possibilità di rispettare la distanza tra loro di almeno un metro.
* Le funzioni religiose con la partecipazione di persone si svolgono nel rispetto dei protocolli sottoscritti dal Governo e dalle rispettive confessioni.
LE ATTIVITÀ CHE POSSONO RIPARTIRE
Sulla base dell’ordinanza, dal 18 maggio sono consentite le seguenti attività, sulla base dei protocolli regionali adottati e allegati all’atto:
* commercio al dettaglio in sede fissa, commercio su aree pubbliche (mercati, posteggi fuori mercato e chioschi), agenzie di servizi (a titolo di esempio: agenzie di viaggio e agenzie immobiliari) (Protocollo allegato 1);
* servizi di somministrazione di alimenti e bevande e attività, anche artigianali, che prevedono l’asporto e il consumo sul posto (a titolo esemplificativo: bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie) (Protocollo allegato 2);
* servizi alla persona (barbieri, parrucchieri centri estetici, centri tatuatori e piercing) e attività artigianali (Protocollo allegato 3);
* attività ricettive alberghiere (Protocollo allegato 4);
* strutture ricettive all’aria aperta (Protocollo allegato 5);
* tirocini extracurriculari a mercato, laddove il soggetto promotore, quello ospitante e il tirocinante concordino sul riavvio del tirocinio, ferma restando la possibilità di avviare o proseguire il percorso formativo con modalità a distanza. Il tirocinio in presenza deve essere svolto, in ogni caso, nel rispetto delle indicazioni tecniche e operative definite nelle linee guida nazionali o nei protocolli regionali previsti per il settore e per lo specifico luogo di lavoro ove si realizza l’attività;
* apertura al pubblico dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura di cui all’articolo 101 del Codice dei beni culturali e del paesaggio - biblioteche, archivi, aree e parchi archeologici, complessi monumentali - nel rispetto dei principi contenuti nelle linee guida nazionali.
Dal 25 maggio sono consentite le seguenti attività, sulla base di protocolli regionali che andranno adottati (a eccezione degli stabilimenti balneari, per i quali è già stato approvato):
* stabilimenti balneari (Allegato 6);
* palestre, piscine, centri e circoli sportivi, pubblici e privati, altre strutture nelle quali si svolgano attività sportive in forma singola o di squadra dirette al benessere dell’individuo attraverso l’esercizio fisico;
* attività corsistiche (a titolo di esempio lingue straniere, musica, fotografia, nautica);
* attività dei centri sociali, culturali e ricreativi;
* attività dei parchi tematici, parchi divertimento, e luna park.
* attività ricettive extralberghiere e altre tipologie ricettive. Queste strutture possono comunque esercitare l’attività dal 18 maggio nel rispetto dei principi contenuti nelle linee guida nazionali.
Dall’8 giugno 2020 sono consentite le attività dei centri estivi e per i minori di età superiore a tre anni, anche qui previa adozione del protocollo regionale.

In allegato: Decreto Legge n. 33 del 16 maggio

Ordinanza del Presidente della Giunta Regionale n. 82 del 17 maggio 2020

Ordinanza del Presidente della Giunta Regionale n. 84 del 21 maggio 2020

Ordinanza del Presidente della Giunta Regionale n. 87 del 25 maggio 2020

Dpcm del 17 maggio 2020

Allegati al Dpcm del 17 maggio

Dpcm del 18 maggio modifiche al Dpcm del 17 maggio

 

FASE 2 – Aggiornamento del 15 maggio

Da lunedì 18 riaprono bar e ristoranti
Nessun onero per ampliamento o installazione di dehors. Il Comune di Anzola ha già adottato la decisione (prima del decreto del Governo e delle indicazioni della Regione) che vale fino al 31 ottobre anche per l’ampliamento dell’esposizione commerciale al di fuori del negozio per tutte le attività commerciali, nel rispetto, ovviamente, del Codice della Strada e del diritto al passaggio per i pedoni.
Le indicazioni della Regione Emilia-Romagna.
No all’assembramento dei clienti all’ingresso dei locali, promuovendo l’utilizzo di sistemi di prenotazione telefonica e digitale. Installazione di dispenser con gel igienizzanti per la pulizia delle mani e di apposita cartellonistica sulle regole di comportamento da seguire, anche in lingua inglese. Distribuzione dei tavoli in modo da garantire la distanza di almeno un metro tra le persone sedute, fatte salve le eccezioni alle regole sui distanziamenti previste dalle norme vigenti (stesso nucleo familiare, ecc.), dando la preferenza, se possibile, alla sistemazione all’aperto (dehors). E stop ai buffet a self-service.
Le regole generali.
Il documento, tra le misure di carattere generale, insiste molto sulla responsabilizzazione dei clienti nell’assunzione di comportamenti rispettosi delle misure di sicurezza e prevenzione e nell’adozione da parte dei titolari degli esercizi di tutti i possibili strumenti di comunicazione rivolti alla clientela sulle regole di accesso e comportamento.
In particolare, gli esercenti sono tenuti ad informare gli avventori circa le disposizioni in vigore, affiggendo all’interno del locale cartelli esplicativi e mettendo a disposizione appositi depliant, in italiano e in inglese. Riguardo all’organizzazione degli spazi, per evitare gli assembramenti ed assicurare le misure di distanziamento interpersonale dei dipendenti e della clientela - almeno un metro tra una persona e l’altra - il protocollo suggerisce di privilegiare gli spazi all’aperto, sollecitando la concessione da parte dei Comuni di nuove occupazioni di suolo pubblico (dehors), compatibilmente con il contesto urbano.
Qui la notizia completa: https://www.regione.emilia-romagna.it/notizie/attualita/ristoranti-bar-pizzerie-e-altri-esercizi-di-alimenti-e-bevande-pronte-le-linee-guida-per-la-riapertura-in-sicurezza-dal-18-maggio.

 

FASE 2 – Aggiornamento del 5 maggio

È iniziata la FASE 2 ma l’emergenza COVID non è finita. Andrà tutto bene se ognuno farà la sua parte.

INDOSSARE I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (mascherine) in presenza di altre persone, sui mezzi di trasporto e nei luoghi chiusi e il MANTENERE LE DISTANZE (distanza di almeno un metro dalle altre persone , due metri in caso di attività sportiva) sono MISURE OBBLIGATORIE oltre che i primi strumenti per il contenimento del contagio.
* CASETTA DELL’ACQUA - aperta e funzionante. Obbligo di mascherina e guanti al prelievo. Mantenere la distanza di un metro.
* MERCATO (SOLO ALIMENTARI) SABATO 9 MAGGIO - PIAZZA BERLINGUER - Accessi contingentati. Obbligo di mascherina e guanti al prelievo. Mantenere la distanza di un metro.
* PARCHI e GIARDINI - Aperti. Divieto di assembramento. Mantenere la distanza di un metro. Obbligo di mascherina in presenza di altre persone. Gli sfalci dell’erba sono in corso.
* GIOCHI PER BAMBINI nei PARCHI e nei GIARDINI - Divieto di accesso e utilizzo.
* ATTREZZATURE SPORTIVE e IMPIANTI SPORTIVI - Divieto di accesso e utilizzo.
* AREE SGAMBAMENTO CANI - Aperte - ingressi contingentati (max 4 persone a volta). Obbligo di mascherina e raccomandato l’uso di guanti. Mantenere la distanza di un metro. Gli sfalci dell’erba sono in corso.
* BIBLIOTECA - Prestito librario attivo con modalità online (consultazione e scelta libri  su https://sol.unibo.it/SebinaOpac/.do?pb=UBOAE richiesta libri con mail a biblioteca@comune.anzoladellemilia.bo.it
* CENTRO DI RACCOLTA VIA ROCCA NOVELLA - Aperto - Obbligo di mascherina e guanti al prelievo. Mantenere la distanza di un metro.
* ORTI COMUNALI - aperti - accesso secondo la programmazione esposta. Obbligo di mascherina e raccomandato l’uso di guanti. Mantenere la distanza di un metro.
* CIMITERO COMUNALE - aperto - Obbligo di mascherina e raccomandato l’uso di guanti. Mantenere la distanza di un metro.

 

FASE DUE Provvedimenti Specifici per Anzola e misure generali -Esercizio Responsabile della Libertà

Nella cosiddetta FASE 2 abbiamo la possibilità di fare più cose ma la natura del virus - il contagio si trasmette da persona a persona - impone L’ESERCIZIO RESPONSABILE DELLE LIBERTÀ personali. Quindi PRIMA DI CHIEDERCI SE POSSIAMO FARE UNA COSA, CHIEDIAMOCI SE ABBIAMO BISOGNO DI (vogliamo? ha senso?) FARLO? E se lo facciamo, allora, rispettiamo le regole:

•  SPOSTAMENTTI SOLO SE NECESSARI

•  DISTANZA INTERPERSONALE DI UN METRO

•  DIVIETO DI ASSEMBRAMENTO

•  OBBLIGO DELL’USO DELLA MASCHERINA IN LOCALI CHIUSI E SEMPRE IN PRESENZA DI ALTRE PERSONE

IL SINDACO, in caso di mancato rispetto delle regole, per ragioni di sicurezza o salute, PUÒ DISPORRE LA CHIUSURA DI AREE E SERVIZI o ADOTTARE PROVVEDIMENTI DI RESTRIZIONE E/O LIMITAZIONE.

Le disposizioni seguenti che si applicano dal 4 maggio 2020 ( se non diversamente indicato) integrano e sostituiscono le misure dei provvedimenti precedenti Per approfondire si possono consultare il DPCM del 26 aprile 2020 http://www.governo.it/sites/new.governo.it/files/Dpcm_img_20200426.pdf e l’Ordinanza Regionale n. 74 del 30 aprile 2020 http://bur.regione.emilia-romagna.it/dettaglio-bollettino?b=d267868683cd498c8aee90440873b60c)

 Provvedimenti in vigore per argomentI:

 

•  PROVVEDIMENTI SPECIFICI PER ANZOLA

•  MISURE GENERALI PER IL CONTENIMENTO DEL CONTAGIO

•  ATTIVITÀ PERSONALI

•  DISPOSIZIONI SPECIFICHE PER LA DISABILITÀ

•  ATTIVITÀ COLLETTIVE

•  TRASPORTO PUBBLICO

•  ATTIVITÀ COMMERCIALI

•  ATTIVITÀ DELLE IMPRESE E DEI SERVIZI

 

PROVVEDIMENTI SPECIFICI per ANZOLA

RIAPERTURE

•  PARCHI E GIARDINI PUBBLICI (dal 4 maggio 2020) con:

OBBLIGO DI USO DELLA MASCHERINA

DIVIETO DI ACCESSO ai giochi per bambini e a impianti e attrezzature sportive a libero accesso

•  ORTI COMUNALI (dal 4 maggio dalle 8 alle 12 e dalla 15 alle 19) con:

ACCESSO INDIVIDUALE secondo la programmazione esposta all’ingresso, LIMITATAMENTE AL TEMPO NECESSARIO per lo svolgimento della attività

•  AREE SGAMBAMENTO CANI (dal 4 maggio) con:

ACCESSO CONSENTITO AD UN MASSIMO DI 4 PERSONE PER VOLTA (E RISPETTIVI ANIMALI) CON OBBLIGO DI MASCHERINA E PER IL SOLO TEEMPO NECESSARIO ALL’ATTIVITÀ

•  PRESTITO LIBRARIO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE (dal 5 maggio) con:

PRENOTAZIONE/RICHIESTE libri SOLO ON LINE dal lunedì al mercoledì

CONSEGNA LIBRI richiesti presso il Comune il venerdì dalle 10 alle 12

•  CIMITERO COMUNALE (dal 6 maggio 2020) con:

OBBLIGO DI USO DELLA MASCHERINA e il rispetto della distanza interpersonale di un metro, raccomandato l’uso dei guanti

•  CASETTA DELL’ACQUA (entro 11 maggio 2020) con:

ACCESSO INDIVIDUALE, OBBLIGO DI USO DI MASCHERINA E GUANTI

LE PERSONE IN ATTESA DEVONO RISPETTARE LA DISTANZA INTERPERSONALE DI UN METRO

•  UFFICI PUBBLICI COMUNALI

SONO APERTI E RICEVONO IL PUBBLICO SU APPUNTAMENTO. È sospesa l’apertura del giovedì pomeriggio

OBBLIGATORIO L’USO DELLA MASCHERINA e il rispetto della distanza interpersonale di un metro, raccomandato l’uso dei guanti

Info e contatti 051.650.2111 - urp@comune.anzoladellemilia.bo.it

 

RACCOLTA RIFIUTI e servizi annessi

Se NON SEI POSITIVO al tampone e NON SEI IN QUARANTENA

•  CONTINUA A FARE LA RACCOLTA DIFFERENZIATA seguendo le regole e le scadenze sul calendario, utilizzando i contenitori /sacchi dati in dotazione da Geovest

•  MASCHERINE, GUANTI E FAZZOLETTI DI CARTA (se sei raffreddato) vanno nella raccolta indifferenziata

  i rifiuti indifferenziati vanno esposti nel CONTENITORE CON MICROCHIP fornito da Geovest, utilizzando due o tre sacchetti possibilmente resistenti (uno dentro l’altro); chiudi bene i sacchetti. È VIETATO ESPORRE IN SACCHI O ALTRI CONTENITORI, L’ABBANDONO DEI RIFIUTI E LE ESPOSIZIONI NON CORRETTE SONO SANZIONABILI.

Se sei POSITIVO o IN QUARANTENA obbligatoria

•  NON DIFFERENZIARE I RIFIUTI: tutti i rifiuti (plastica, vetro, carta, umido, metallo e indifferenziata) vanno gettati nel contenitore utilizzato per la raccolta indifferenziata (anche i fazzoletti o i rotoli di carta, le mascherine, i guanti e i teli monouso)

•  utilizza due o tre sacchetti resistenti (uno dentro l’altro), • indossando guanti monouso chiudi bene i sacchetti con lacci di chiusura o nastro adesivo

•  Chiama lo 339.776.0524 (dal lunedì al giovedì dalle 8.45 alle 12.45 e dalle 14.00 alle 16.30 e il venerdì dalle 8.45 alle 12.45) per richiedere il servizio a chiamata del rifiuto indifferenziato e/o la fornitura di sacchi.

IL CENTRO DI RACCOLTA

•  riapre negli orari consueti (anche il sabato)

•  gli utenti devono essere muniti di mascherina

•  il progetto premialità resta sospeso

Viene mantenuto un SERVIZIO A DOMICILIO PER GLI UTENTI OVER 65 (sacchi/contenitori)

Torna operativo il SERVIZIO DI RITIRO INGOMBRANTI A DOMICILIO

 

MISURE GENERALI PER IL CONTENIMENTO DEL CONTAGIO

MISURE IGIENICO-SANITARIE

1.    lavarsi spesso le mani (i locali pubblici, palestre, supermercati, farmacie e altri luoghi di aggregazione, devono mettere a disposizione soluzioni idroalcoliche per il lavaggio delle mani);

2.    evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute;

3.    evitare abbracci e strette di mano;

4.    mantenere una distanza interpersonale di almeno un metro (due in caso di pratica sportiva);

5.    coprirsi bocca e naso se si starnutisce o tossisce; praticare l’igiene respiratoria (starnutire e/o tossire in un fazzoletto evitando il contatto delle mani con le secrezioni respiratorie);

6.    evitare l’uso promiscuo di bottiglie e bicchieri, in particolare durante l’attività sportiva;

7.    non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani;

8.    Non prendere farmaci antivirali e antibiotici, se non prescritti dal medico;

9.    pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol;

10.uso di protezioni delle vie respiratorie (mascherine)

 

È OBBLIGATORIO L’USO DI PROTEZIONI DELLE VIE RESPIRATORIE

nei luoghi chiusi accessibili al pubblico inclusi i mezzi di trasporto

e in tutte le occasioni in cui non sia possibile garantire il mantenimento della distanza di sicurezza.

•  NON SONO SOGGETTI ALL’OBBLIGO

i bambini al di sotto dei sei anni, i soggetti con forme di disabilità non compatibili con l’uso continuativo della mascherina, i soggetti che interagiscono con i predetti

SI POSSONO USARE MASCHERINE DI COMUNITÀ MONOUSO O LAVABILI, ANCHE AUTO-PRODOTTE in materiali multistrato idonei a fornire una adeguata barriera e che garantiscano comfort e respirabilità, FORMA, DIMENSIONE E ADERENZA ADEGUATE ALLA COPERTURA DAL MENTO AL DI SOPRA DEL NASO

 

CHI HA SINTOMI DA INFEZIONE RESPIRATORIA E/O FEBBRE (37,5° C o più)

•  DEVE RIMANERE IN CASA e limitare al massimo i contatti sociali

•  CONTATTARE il proprio medico curante;

CHI È IN QUARANTENA O È RISULTATO POSITIVO AL VIRUS

•  DEVE RISPETTARE IL DIVIETO ASSOLUTO DI MOBILITÀ E SPOSAMENTI

LE PERSONE, ANZIANE, AFFETTE DA PATOLOGIE CRONICHE, MULTIMORBILITÀ, STATI DI IMMUNODEPRESSIONE CONGENITA O ACQUISITA,

•  devono EVITARE DI USCIRE DA CASA se non per stretta necessità

È VIETATA OGNI FORMA DI ASSEMBRAMENTO di persone in luoghi pubblici e privati VA MANTENUTA RIGOROSAMENTE LA DISTANZA DI UN METRO DALLA ALTRE PERSONE

•  È OBBLIGATORIO l’USO DELLE MASCHERINA in presenza di altre persone

DISPOSIZIONI SPECIFICHE PER LA DISABILITÀ

LE ATTIVITÀ SOCIALI E SOCIO-SANITARIE PER PERSONE CON DISABILITÀ erogate dietro autorizzazione o in convenzione, comprese quelle erogate all’interno o da parte di centri semi-residenziali, qualunque sia la loro denominazione, a carattere socio-assistenziale, socio-educativo, polifunzionale, socio-occupazionale, sanitario e socio-sanitario VENGONO RIATTIVATE SECONDO PIANI TERRITORIALI, ADOTTATI DALLE REGIONI, assicurando attraverso specifici protocolli il rispetto delle disposizioni per la prevenzione dal contagio e la tutela della salute degli utenti e degli operatori

 ATTIVITÀ PERSONALI

SONO CONSENTITI GLI SPOSTAMENTI

rispettando il DIVIETO DI ASSEMBRAMENTO, il DISTANZIAMENTO INTERPERSONALE DI ALMENO UN METRO e UTILIZZANDO PROTEZIONI DELLE VIE RESPIRATORIE (mascherine)

•  per COMPROVATE ESIGENZE LAVORATIVE, DI NECESSITÀ O DI SALUTE (spostamenti individuali e solo in ambito provinciale);

•  per INCONTRARE CONGIUNTI (in ambito regionale) ;

È VIETATO TRASFERIRSI O SPOSTARSI IN UNA REGIONE DIVERSA DA QUELLA IN CUI CI SI TROVA

•  se non per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza o per motivi di salute. È consentito il rientro presso domicilio, abitazione o residenza

È VIETATA OGNI FORMA DI ASSEMBRAMENTO DI PERSONE IN LUOGHI PUBBLICI E PRIVATI il sindaco può disporre la temporanea chiusura di specifiche aree per l’inosservanza delle norme

È CONSENTITO L’ACCESSO A PARCHI E GIARDINI PUBBLICI (ad Anzola anche a CIMITERO, ORTI COMUNALI E AREE SGAMBAMENTO CANI, CASETTA DELL’ACQUA)

•  nel rigoroso rispetto del divieto di assembramento e della distanza interpersonale di un metro e dell’obbligo dell’uso della mascherina in presenza di altre persone

È VIETATO L’ACCESSO A:

•  AREE GIOCO per bambini,

•  AREE SPORTIVE ATTREZZATE E IMPIANTI SPORTIVI ad accesso libero

•  NON È CONSENTITO SVOLGERE ATTIVITÀ LUDICA O RICREATIVA ALL’APERTO

È CONSENTITA ATTIVITÀ MOTORIA O SPORTIVA INDIVIDUALE

•  (a titolo di esempio: ciclismo, corsa, caccia di selezione, pesca sportiva, tiro con l’arco, equitazione)

•  per tali attività è consentito lo spostamento individuale in ambito provinciale

•  con accompagnatore per i minori o le persone non completamente autosufficienti, nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di due metri per l’attività sportiva e di un metro per ogni altra attività;

È CONSENTITO RAGGIUNGERE SECONDE CASE, CAMPER E ROULOTTE DI PROPRIETÀ

•  SOLO PER LE ATTIVITÀ DI MANUTENZIONE E RIPARAZIONE

•  lo spostamento È ESCLUSIVAMENTE INDIVIDUALE E NEL TERRITORIO PROVINCIALE con obbligo di rientro in giornata presso l’abitazione abituale;

È VIETATO AGLI ACCOMPAGNATORI DEI PAZIENTI di permanere nelle sale di attesa dei dipartimenti emergenze e accettazione e dei pronto soccorso (DEA/PS)

 

TRASPORTO PUBBLICO

•  NON USARE IL TRASPORTO PUBBLICO SE HAI SINTOMI DI INFEZIONI RESPIRATORIE acute (febbre, tosse, raffreddore)

•  La bigliettazione a bordo è sospesa. Acquisto biglietti in rivendita, on line o tramite app

•  Seguire LA SEGNALETICA E I PERCORSI INDICATI NELLE STAZIONI O ALLE FERMATE mantenendo sempre la distanza di almeno un metro dalle altre persone

•  Si può SALIRE DALLE PORTE CENTRALI E POSTERIORI dopo aver fatto scendere le persone, rispettando sempre la distanza interpersonale di sicurezza di un metro

•  SEDERSI SOLO NEI POSTI CONSENTITI mantenendo il distanziamento dagli altri occupanti

•  Evitare di avvicinarsi o di chiedere informazioni al conducente

•  igienizzare frequentemente le mani ed evitare di toccarsi il viso

  È OBBLIGATORIO L’USO DELLA MASCHERINA, per la protezione del naso e della bocca

 ATTIVITÀ COLLETTIVE

SONO SOSPESI GLI EVENTI E LE COMPETIZIONI SPORTIVE di ogni ordine e disciplina, in luoghi pubblici o privati

SONO CONSENTITE le sessioni di allenamento individuale degli atleti, professionisti e non professionisti – riconosciuti di interesse nazionale - di discipline sportive individuali e non individuali nel rispetto delle norme di distanziamento sociale e senza alcun assembramento, a porte chiuse

SONO SOSPESE LE MANIFESTAZIONI ORGANIZZATE, GLI EVENTI, LE INIZIATIVE E GLI SPETTACOLI in ogni luogo, sia pubblico sia privato, con la presenza di pubblico, quali, a titolo d’esempio, concerti, feste pubbliche e private, anche nelle abitazioni private, cinema, teatri, pub, scuole di ballo, sale giochi, sale scommesse e sale bingo, discoteche e locali assimilati

È CONSENTITA L’APERTURA DEI LUOGHI DI CULTO evitando assembramenti di persone, garantendo la distanza tra le persone di almeno un metro e con L’OBBLIGO SI INDOSSARE LA MASCHERINA DI PROTEZIONE

SONO SOSPESE LE CERIMONIE CIVILI E RELIGIOSE

SONO CONSENTE consentite le cerimonie funebri, preferibilmente all’aperto, con la partecipazione di massimo quindici persone, con obbligo di mascherina e rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro

SONO SOSPESE LE APERTURE E LE ATTIVITÀ di musei e  biblioteche, palestre, centri sportivi, piscine, centri natatori, centri benessere, centri termali (ad eccezione delle prestazioni rientranti nei LEA), centri culturali, centri sociali, centri ricreativi

SONO SOSPESI i servizi educativi per l’infanzia e le attività didattiche in presenza nelle scuole di ogni ordine e grado, sono ORGANIZZATE ATTIVITÀ DIDATTICHE A DISTANZA anche riguardo alle specifiche esigenze degli studenti con disabilità

 

ATTIVITÀ COMMERCIALI

SONO SOSPESE LE ATTIVITÀ DI bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie, rosticcerie, parrucchieri, barbieri, estetisti

È CONSENTITA LA RISTORAZIONE CON CONSEGNA A DOMICILIO nel rispetto delle norme igienico-sanitarie per il confezionamento e il trasporto

È CONSENTITA LA RISTORAZIONE CON ASPORTO fermo restando l’obbligo di rispettare la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro, l’ingresso di un cliente per volta all’interno del locale per il ritiro, il divieto di consumare i prodotti all’interno dei locali e il divieto di sostare nelle vicinanze degli stessi

SONO CONSENTITE LE ATTIVITÀ COMMERCIALI AL DETTAGLIO DI

ipermercati / Supermercati / Discount alimentari / Minimercati ed altri esercizi di alimentari vari / prodotti surgelati / computer, telecomunicazioni, elettronica, audio, video, elettrodomestici / prodotti alimentari, bevande e tabacco in esercizi specializzati / carburante / apparecchiature informatiche e per le telecomunicazioni / ferramenta, vernici, materiale elettrico e termoidraulico / articoli igienico-sanitari / articoli per l’illuminazione / giornali, riviste e periodici / farmacie / parafarmacie / articoli medicali e ortopedici in esercizi specializzati / profumeria, prodotti per toletta e per l’igiene personale / piccoli animali domestici / ottica e fotografia/ combustibile per uso domestico e per riscaldamento / saponi, detersivi, prodotti per la lucidatura e affini / carta, cartone e articoli di cartoleria / libri / vestiti per bambini e neonati / fiori, piante, semi e fertilizzanti / lavanderia e pulitura di articoli tessili e pelliccia / tintorie / pompe funebri e attività connesse

È CONSENTITA LA VENDITA AL DETTAGLIO di qualsiasi prodotto effettuata via internet, per televisione, per corrispondenza radio, telefono e per mezzo di distributori automatici

NEGLI ESERCIZI COMMERCIALI APERTI DEVONO ESSERE GARANTITI:

  L’USO OBBLIGATORIO DELLA MASCHERINA

•  distanza interpersonale di un metro

•  ingressi contingentati e dilazionati

•  la sosta all’interno dei locali solo per il tempo necessario all’acquisto dei beni

•  L’USO DI GUANTI “USA E GETTA” NELLE ATTIVITÀ DIO PRELIEVO DELLE MERCI

 

È CONSENTITA L’ATTIVITÀ DEI MERCATI ALIMENTARI

in strutture coperte, in spazi pubblici recintati o perimetrati con strutture idonee. La gestione del mercato deve essere  disciplinata, anche previo apposito accordo con i titolari dei posteggi, attraverso misure che garantiscano il contingentamento degli ingressi e la vigilanza degli accessi. PER I MERCATI DI ANZOLA E LAVINO STIAMO PROGETTANDO LA RIPRESA DELLE ATTIVITÀ CHE COMUNICHEREMO APPENA POSSIBILE.

 

ATTIVITÀ DELLE IMPRESE E DEI SERVIZI

SI RACCOMANDA AI DATORI DI LAVORO PUBBLICI E PRIVATI

•  di promuovere la fruizione di congedo ordinario e ferie

•  di attuare il massimo utilizzo di modalità di lavoro agile

•  di adottare protocolli di sicurezza anti-contagio e strumenti di protezione individuale;

•  di incentivate le operazioni di sanificazione dei luoghi di lavoro

SONO CONSENTITE LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE INDUSTRIALI E COMMERCIALI relative ai codici ATECO 01 / 02 / 03 / 05 / 06 / 08 / 09 / 10 / 11/ 12 / 13 / 14 / 15 / 16 / 17 / 18 / 19 / 20 / 21 / 22 / 23 / 24 / 25 / 26 / 27 / 28 / 29 / 30 / 31 / 32  / 33 / 35  / 36 / 37 / 38 / 39 / 41/ 42 / 43 / 45 / 46 / 49 / 50 / 51/ 52 / 53 / 551 / 58 / 60 / 61 / 62 / 63 / 64 / 65 / 66 / 68 / 69 / 70 / 71 / 72 / 73 / 74 / 75 / 78 / 80 / 81.2 / 81.3 / 82 / 84 / 85 / 86 / 87 / 88 / 94 / 95 / 97 / 99

 LE IMPRESE IN ATTIVITÀ DEVONO RISPETTARE I PROTOCOLLI DI REGOLAMENTAZIONE delle misure per il contrasto al virus covid-19 sottoscritti dal Governo e dalle parti sociali (allegati 6 - 7 - 8 DPCM 26 aprile 2020 - ). LA MANCATA ATTUAZIONE DEI PROTOCOLLI PUÒ DETERMINARE LA SOSPENSIONE DELL’ATTIVITÀ.

 PER LE ATTIVITÀ SOSPESE È CONSENTITO L’ACCESSO AI LOCALI per lo svolgimento di lavori di vigilanza, manutenzione, pulizia e sanificazione nonché la ricezione in magazzino di beni e forniture. Le attività sospese possono proseguire organizzate in modalità a distanza o lavoro agile

In allegato:

Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 26 aprile 

Ordinanza n. 74 del Presidente della Giunta Regionale del 30 aprile

Decreto Sindacale n. 9/2020  del 30 aprile

Ordinanza Sindacale n. 38/2020 del 5 maggio

 Decreto Legge n. 33 del 16 maggio

Ordinanza del Presidente della Giunta Regionale  n. 82 del 17 maggio 2020

Ordinanza del Presidente della Giunta Regionale n. 84 del 21 maggio 2020

Ordinanza del Presidente della Giunta Regionale n. 87 del 25 maggio 2020

Dpcm del 17 maggio 2020

Allegati al Dpcm del 17 maggio

Dpcm del 18 maggio modifiche al Dpcm del 17 maggio

Delibera di Giunta Comunale n. 58 del 14 maggio

Ordinanza Sindacale n. 40 del 21 maggio con Planimetrie dei mercati

Ordinanza Sindacale n. 44 del 29 maggio 2020

 
 
Ultima modifica 30/05/2020 22:53
 
Biblioteca De Amicis
è un paese per giovani
Sportello Unico per l'Edilizia e le Attività Produttive
URP Anzola
 
SIT
Reti di parole
Anzola prima dell'Emilia